Pepite 4 - In viaggio da Gi

Prima Stagione

ARCHIVIO

C'è chi la chiama sound-art, musica contemporanea, suoni di ricerca, sperimentazioni acustiche o suoni di confine, noi le chiamiamo Pepite: piccoli semi di ricerca sul suono, elementi preziosi della nostra programmazione. Ogni settimana selezionati e messi in evidenza all'interno del flusso freeform della nostra programmazione.

Le Pepite di questa settimana sono:

Numbers Stations 1 and 2 (excerpt) di Michael Woody.
Questo lavoro è costituito da una serie di file audio strutturati per funzionare come una numbers station (le stazioni in am che trasmettono codici). In questo caso, però, i numeri sono stati sostituiti da brevi messaggi che danno istruzioni su come comportarsi in caso di attacco da parte di un orso. Questo lavoro è una riflessione sull'idea di segretezza, controllo e potere. Numbers Stations è stato presentato da Radius, una piattaforma di radiofonia sperimentale di Chicago.

Chance di 1911.
Il duo sperimentale è composto da Xavier Lopez e David Vilayleck; entrambi hanno un background legato al jazz e anche nella composizione elettroacustica di Chance l'improvvisazione gioca un ruolo centrale.

Atraque di Juanjo Palacios.
Palacios racconta storie, in questo caso quella del porto Musel a Gión nel nord della Spagna di cui - attraverso un intreccio di paesaggio sonoro e field recording- il sound artist ne restituisce la natura acustica nell'album Portuario.

Cochin, un documentario sonoro di François-Emmanuel Fodéré
Chochin era il nome coloniale della città di Kichi, in India ed è anche il titolo di questo lavoro registrato dal sound artist francese Fodéré per la netlabel Impulsive Habitat.

 

Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.
OK, ho capito