UN PROGETTO DI INVESTIGAZIONE SONORA DEL SUD.

 

 

About

 

Quando Süden Radio è nata - quattro anni fa a Berlino - abbiamo iniziato molto ingenuamente con una domanda: che suono ha il sud? Che cos'è? È solo una questione di latitudine o è un fenomeno, un metodo, un cliché, uno stato d'animo?

 

Abbiamo aperto un vaso di Pandora e da allora abbiamo provato a navigare queste acque turbolente, ascoltando produzioni sonore provenienti da aree geografiche emergenti e abbracciando prospettive diverse, adottate dai sound studies e dagli studi postcoloniali. Come possiamo avvicinarci al sud senza ridurlo a una mera categoria geografica attraverso la quale ci definiamo, per differenza? Citando Roberto Dainotto, professore alla Duke University, la moderna identità europea inizia quando la Non-Europa è internalizzata, quando il Sud, come elemento estraneo, è dentro, ancora Europa ma anche la sua parte negativa. Ma anche la moltiplicazione delle frontiere, studiata da Sergio Mezzadra, può aiutarci a capire, da un lato,  la produzione di un Sud sociale e culturale e, dall'altro, quanto sia difficile delimitare il Sud ai suoi confini geopolitici.

 

Venendo al suono, come possiamo ascoltare il sud quando questo si afferma come un metodo, come fenomeno multipolare, sfaccettato complesso, da cui affiorano una pluralità di voci, prospettive, pratiche e domande?

 

Mentre ascoltiamo il Sud - a partire da quello a noi prossimo, il bacino del Mediterraneo e il continente africano - Süden Radio vuole problematizzarne l’analisi a partire dalla produzione sonora e dalle pratiche dell’ascolto che da una parte riflettono e rispondono ai nuovi scenari geopolitici e culturali, dall’altra mettono in crisi la nostra percezione della realtà, l’oggetto del nostro sentire.

 

Cosa ascoltiamo?

Come ascoltiamo?

Può il suono aiutarci in un percorso di traduzione interculturale?

Come possiamo disimparare attraverso il suono?

Come possiamo, attraverso l'ascolto, accettare il diritto all'opacità di altri luoghi, culture, persone? 

 

Abbiamo deciso di affrontare queste domande, di aprire e condividerne il dibattito attraverso tre diversi strumenti: un simposio, una serie di workshop e un call for soundworks. 

 

 

Simposio

Süden Radio 
Un simposio sulle nuove geografie del suono
20 – 22 Aprile 2017
Villa Romana
Via Senese 68, Firenze

 

 

Süden Radio vuole conoscere e promuovere quei lavori, progetti artistici e radiofonici che adottano il suono come strumento critico di conoscenza, oltre le narrazioni predominanti di alterità e identità, oltre il cliché sonoro del Sud.
Nel corso di tre giornate, artisti, curatori, radio producer e ricercatori si sono incontrati e confrontati sull’emersione e l’affermarsi di nuove e altre geografie del suono nel sud del bacino del Mediterraneo, nel continente africano e in Medio Oriente. 



Il simposio è nato dalla volontà di investigare il suono sia come strumento di comprensione del mondo a partire dalla prospettiva del Sud, sia come piattaforma di riappropriazione, ri-territorializzazione e legittazione. 
Abbiamo investigato i paesaggi radiofonici, tra vicinanza e lontananza, nelle diverse estetiche e politiche di trasmissione; abbiamo aperto il dibattito ai limiti, gli errori e le proiezioni culturali della nostra stessa ricerca. 



Partecipanti | Leandro Pisano, Simone Frangi, Lucrezia Cippitelli, Anna Raimondo, Claudia Wegener, Emeka Ogboh, Fari Bradley, Golo Foellmer, Andrea Borgnino, Chloé Despax, Iain Chambers. 

 

 

 

Workshop

Un workshop sull'audiobranding territoriale.
Il 15 dicembre 2016, a Villa Romana

 

 

Da più di cinquant'anni il suono e i molteplici modi in cui questo può condizionare la percezione dello spazio e dei luoghi sono al centro di discussioni, ricerche e pratiche artistiche. Filosofi, etnologi, artisti, musicisti - per citarne solo alcuni - sono fra i tanti che hanno affrontato la relazione fra suono e geografie...


L'argomento è stato affrontato da ogni possibile angolo e gli studi sul paesaggio sonoro sono indubbiamente al centro del discorso; ma vi è una prospettiva che non possiamo ignorare, una prospettiva che non arriva dalle pratiche artistiche o speculative, bensì dal mondo commerciale e del marketing: quella dell'audio branding.



Insieme a Filipe Gomes, Daniele Prina Fabio Di Santo abbiamo analizzato esempi di audio branding territoriale e best practices. Che cosa si intende per audio branding? è possibile utilizzare gli strumenti del sound design e del marketing per esplorare/interrogare/narrare un luogo?

 

Call for Sounds

Radio Papesse ha invitato sound artist, radio producer, compositori e ricercatori alla seconda edizione di SÜDEN RADIO, un progetto di investigazione sonora del Sud.

 

 

Con l’emersione di nuove geografie che si definiscono in ambito post-globale e i cui confini sono legati a dinamiche di mobilità, la rappresentazione del mondo fallisce laddove si tenti di applicare categorie interpretative monolitiche a entità, soggetti, territori in costante mutamento. In questo contesto, oltre il limite geografico, il Sud si afferma come metodo, come fenomeno complesso, multipolare, poliedrico da cui si alza una pluralità di voci, prospettive, pratiche, domande.



Süden Radio vuole conoscere e promuovere quelle pratiche, progetti artistici e radiofonici che adottano il suono come strumento critico di conoscenza, oltre le narrazioni predominanti di alterità e identità, oltre il cliché sonoro del Sud.
Invita a condividere una riflessione intorno alle politiche dell’ascolto - coreografico, attivo, partecipativo, relazionale, affettivo, generativo - ai suoi tempi, alla posizione nello spazio e nel tempo dell’ascoltatore e dall’artista stesso, al suo valore nell’ambito della produzione sonora proveniente dal bacino del Mediterraneo, dal Nord Africa e dal Medio Oriente. 



Tra i temi cui Süden Radio ha chiesto di prestare particolarmente attenzione:
• nuove geografie del suono e cartografie personali: pratiche di ibridazione culturale e riappropriazione critica del paesaggio attraverso l’ascolto. Quando l’oggettività del field recording è una chimera
• il Mediterraneo: quali riflessioni e quali discorsi (sonori) intorno al Mediterraneo emergono dalle sue regioni meridionali?
• accesso e circolazione degli archivi sonori nella produzione audio sperimentale contemporanea.

 

Suoni

I lavori sonori selezionati sono:

Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.
OK, ho capito