Alpi Occidentali I-IV degli Alpin Folks è una serie di quattro racconti di montagna, quattro sessioni davvero speciali in streaming da venerdì 16 settembre 2011, ogni venerdì alle 21.00 per quattro settimane.

La serie Alpi occidentali I-IV nasce dall'idea di fondere sonorità cupe come quelle del drone e della musica techno per raccontare quattro scalate alpine. Quattro differenti episodi - ognuno dei quali porta il nome di una vetta [Monte Thabor, Monte Malamot, Monte Tibert, Monte Clapier] - che non sempre conducono alla cima. Un'esperienza della montagna in cui convivono inquietudine, tensione, paura, eccitazione.

Dal diario dell'alpinista - 18 aprile 1892 - leggiamo della scalata al Monte Tibert, 2.647 mt s.l.m, 44°25′05″N 7°09′04″E

"Devo essermi addormentato, nonostante mi fossi imposto di resistere al sonno per non cedere al gelo della notte. Il freddo ha ridotto drasticamente le mie possibilità di movimento, devo riuscire a risvegliare gli arti dal torpore e ripristinare il calore del corpo.[…] Ho superato l’incubo del congelamento, il pulsare del sangue nelle braccia e nelle mani mi rincuora. Anche se è ancora notte devo riprendere la scalata, ma i primi passi sono incerti, vacillo sotto il peso dell’attrezzatura in un’oscurità che lentamente si dirada, rivelando i toni della montagna.[…] l passo è sempre più agile, il respiro è tornato regolare e dentro di me cresce l’ossessione della vetta. Salgo spinto dall’eccitazione e dal desiderio di vedere ciò che mai nessun altro ha visto. Ormai non sento più la stanchezza accumulata nei giorni precedenti, la mente vince sui limiti del corpo.[…] L’aria rarefatta dell’alta quota mi stordisce ed amplifica il senso di serenità dato dal raggiungimento della vetta.

Scorgo finalmente le creste che compongono la cima della montagna. Non voglio fermarmi, inebriato da tanta bellezza". 

_ Eliane Radigue, Biogenesis (1973), da Attention Patterns, Important Records, 2010
_ Wolfgang Voigt, Du Musst Nichts Sagen, da Du Musst Nichts Sagen EP, Profan, 2011
_ Shackleton, Fireworks (T++ remix), Honest Jon’s Records, 2011
_ Henrik Hakansson, Dawn da Dusk Down, A Better Tomorrow Records, 2003
Vladislav Delay, Korpi, da Latoma, Ecocord, 2011
_ Koljah, Simple Things, da Simple Things EP, Vidab, 2010
_ Marcus Schmickler, Quasi-segregative, da Palace of Marvels, Editions Mego, 2010
_ Bob Holroyd, African Drug (T.Williams remix), da African Drug The Remix EP, Phonica, 2010
_ MRI, Heroes Remixed EP (Matt John Remix), Resopal, 2010
Efdemin, Night Train, da Chicago, Dial Records, 2010
_ Oneohtrix Point Never, Preyouandi, da Returnal, Editions Mego, 2010
_ Loscil, Dub for Cascadia, da Endless Falls, Krankyl, 2010
Margaret Dygas, Press for Time, da Margaret Dygas, Perlon, 2011
_ Moritz von Oswald Trio, Structure 1, da Horizontal Structures, Honest Jon’s Records, 2011
_ Efdemin, Cowbell, da Chicago, Dial Records, 2010

Questo sito utilizza cookie per monitorare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie.
OK, ho capito